FANDOM


E' sempre meglio sapere il più possibile su tutto e tutti
  — Blif Shortlegs


http://img42.imageshack.us/img42/4940/bliffirma11.png
Blif Shortlegs
Alias Furetto silenzioso
Luogo di Nascita Non pervenuto
Sesso Maschio
Razza Halfling
Età 22
Allineamento NN
Linguaggi Conosciuti Halfling, Comune, Elfico


Descrizione Modifica

Blif è un piccolo halfling di bassa statura, con capelli neri lunghi raccolti in una piccola coda, occhi castani e sempre un sorriso stampato sulla faccia. La sua voce è squillante, ha uno sguardo curioso e sembra si affascini per ogni cosa gli venga detta o fatta vedere. Essendo ancora molto giovane, i suoi comportamenti sono alquanto infantili. E' un hin molto gentile, attratto da tutte le persone che lo circondano e ancora di più dalle persone che indossano vestiti diversi da quelli dei popolani. Se poi queste persone vengono incontrate fuori dalle mura...bèh...è molto probabile che questi conoscano tante cose del mondo esterno e non si farebbe mai sfuggire un'occasione del genere. Infatti non conosce per niente il mondo fuori dalle mura di Baldur's Gate e molto poco quello degli dei. Ma ha fame di conoscenza ed è sempre in cerca di nuove storie e racconti che possono portarlo verso fantastiche avventure. Ciò che odia di più sono le persone che lo prendono in giro.

Storia Modifica

Blif era seduto sul suo solito muretto che ciondolava i piedi. Guardava il cielo come sempre ma rimaneva sempre affascinato per ogni nuvola che gli passava sopra la testa. <<quella assomiglia ad una mucca, quella al mio arco anche se è strana, quella invece a mio...>>. Finiva sempre cosi. Gli tornava in mente il suo defunto padre, o meglio, colui che l'aveva cresciuto. Teflin Shortelgs era un vecchio halfling che abitava a Baldur's Gate. La sua occupazione era quella di falegname e costruttore di archi. Un halfling anomalo, che non amava moltissimo l'avventura. Del resto gli anni della giovinezza erano ormai passati da parecchi anni e lui voleva godersi i frutti di ciò che aveva imparato viaggiando per il mondo. Già quando era piccolo, aveva insegnato a Blif come muoversi, senza farsi vedere, nelle ombre della grande città, a non far sentire i suoi passi sopra le foglie secche e, pur essendo vecchio, tutto questo gli riusciva ancora facilmente, facendo sempre aprire la bocca in segno di ammirazione al figlio. La notte era per loro due, padre e figlio, non c'era nulla di più bello. Quando non uscivano la notte, il padre gli insegnava ciò che aveva imparato dagli elfi, la loro strana lingua, i loro modi di fare e quando raccontava le sue avventure erano sempre li che ridevano entrambi fino a quando non faceva male la pancia. <<mi raccomando queste cose che io ti insegno dovrai usarle quando sarà necessario. Non voglio tu diventi da grande uno di quei ladruncoli da strapazzo che rubano e uccidono le persone per arricchirsi. E abbi sempre rispetto per gli altri, senza però farti mettere i piedi in testa da nessuno. Anche se siamo piccoletti sappiamo il fatto nostro!>> Glielo ripeteva sempre prima di andare a dormire. Durante le mattine in cui lavoravano era solito raccontare a Blif del giorno in cui lo trovò infagottato e piangente anni prima: << Vedi piccolo sembra quasi fosse ieri. Eri li strillante e tutti facevano finta di non vederti e sentirti, ma per tutti gli dei, io ti sentii benissimo. Sembravi una tromba instancabile. Ti avevano messo proprio qui, davanti alla mia bottega. Non ho potuto fare altro che prenderti con me. Non ho mai avuto figli, non ho mai avuto tempo di pensare a queste cose con tutto il da fare che ho e con i viaggi che mi hanno portato in ogni parte di queste terre>> faceva il solito sospiro e riprendeva << Noi Shortlegs siamo sempre stati i migliori del nostro piccolo villaggio. Instancabili lavoratori e i migliori avventurieri che si fossero mai visti. Ma io non sono riuscito a far continuare questa tradizione. >> dava un buffetto al piccolo Blif <<tu mi hai salvato...>> <<...non so come avrei fatto senza di te>> concludeva Blif mentre andava a prendere dell'altra legna. Era sempre cosi quasi ogni giorno. Una storia che si ripetè per 20 lunghi anni. Ma poi arrivò il triste giorno. Il vecchio Teflin era malato da mesi e la bottega era chiusa. Ogni giorno Blif si prendeva cura del padre, gli metteva le bende imbevute d'acqua senza sapere se ciò che faceva era giusto. Cosi quel triste giorno, quando il piccolo halfling si avvicinò al letto dell padre, lui gli disse tossendo <<blif sei cresciuto abbastanza, non puoi vivere la mia vita. Sei troppo giovane. Apri il baule ai piedi del letto, troverai il mio arco...lo chiamavo "Lamento di coboldo">> tossì ridendo, forse gli tornò in mente qualcosa. <<non preoccuparti per me prima o poi il tempo arriva per tutti, e sono sicuro che dovunque andrò ora avrò un gran da fare, ma avrò sempre un occhio per te>>. Blif non potè ribattere perchè quelle furono le ultime parole. Non gli restò che asciugarsi le lacrime e aprire il baule, fare fagotto e uscire da quella bottega. Ciò che lo aspettava li fuori non lo spaventava. Non avrebbe mai deluso il padre e avrebbe reso gli Shortlegs, ancora una volta, i migliori halfling del mondo!....dopo qualche mese, ancora doveva decidersi a mettere piede fuori dalla città.

Curiosità Modifica

  • E' il Nostromo dei Tritoni Ardenti.
  • Porta ancora con sè l'arco del padre Lamento di coboldo.
  • Si è guadagnato un'ottima fama come fabbro pur essendo un halfling.
  • Gli piace seguire la gente nascondendosi fra le ombre e studiandoli a fondo perchè "è sempre meglio sapere il più possibile su tutto e tutti".
  • Tiene sempre il cappuccio in testa, tranne quando dorme.

Gesta Modifica

  • Ha salvato il gate assieme ad altri avventurieri, dal crollo della montagna vicina.
  • Ha aiutato il nano Dain a recuperare un importante pietra di un clan nanico, andando fin nel sottosuolo dagli Svifneblin.
  • Ha liberato Ulgoth, assieme ad altri avventurieri, dal potente spirito che minacciava il villaggio.
  • Ha contribuito alle ricerche ad Athaktla, per conto di Alexander III, sui vampiri, assieme alla ciurma in una pericolosa missione, sotto falso nome di Meroippi.
  • Ha salvato Renal Bloodscalp dalle grinfie dei vampiri di Athaktla, assieme a Delia Vencell e Lorn Teannard.
  • E' stato proclamato eroe di Adbar, assieme ad altri avventurieri, dopo averla liberata dai demoni che la infestavano, grazie al sacrificio del nano Morghul.
  • Ha viaggiato nell'inferno assieme alla ciurma, vincendo una gara di navi nel fiume Stige, contro imbarcazioni comandate da creature di ogni sorta.
  • Per ordine del mago Thalantyr, ha recuperato una sfera magica di proprietà del mago stesso, rubatagli dalla strega Setara, sconfitta poi grazie all'aiuto di altri avventurieri. La sfera servì per avere importanti informazioni riguardo la cittadella volante di Shade
  • Ha contribuito inizialmente, ad allontanare gli Shadovar durante il primo attacco, in un'imboscata a Braccio Amico.

Non tutti sanno cheModifica

  • E' stato molto vicino ad assistere alla rinascita di Myrkull.
  • Dal giorno in cui Lady Tanova lo scaraventò contro uno specchio, ha cominciato ad odiare profondamente i vampiri meditando vendetta.
  • Per un momento è stato ad Isgard, come fosse stato un sogno.
  • Possiede un potentissimo anello dell'arcimago Thalantyr, che gli permette di creare un illusione di sè stesso, rubato durante una missione di recupero dello stesso anello.
  • Ha sterminato una schiera di coboldi, per vendicare il nome infangato della sua capitana.
  • Nasconde segreti su sè stesso che nemmeno la ciurma stessa conosce.
  • Odia la città di Luskan e La Terza Torre.
  • E' stato minacciato più volte da Artemis Entreri, per via della sua parlantina.
  • Sopra la sua testa, pende una grossa taglia, messagli dopo la gara sullo Stige, da parte di cacciatori di taglie extraplanari.
  • E' gregario di una società malavitosa molto potente
  • Ha pagato uno strano esorcista Selunita per far tornare il senno a Zarbax. Ma probabilmente l'ha fatto solo per farsi quattro risate

Dicono di Lui... Modifica

  • Se pensi che sia più tenero perchè è piccolo amico mio ti sbagli! *Occhiolino* Un concentrato di energia e genialità più unico che raro, un nostromo migliore non me lo potevo proprio trovare eh? - Delia Vencell
  • Un buffo agglomerato di intenzioni e ignoranza. Mi diverte. - Leonard
  • Bliff? Lui è il nostro nostromo: una trottola inarrestabile portaguai. Ma è anche affidabile ed ha un buon cuore. Diciamo che è l'unico Hin che sopporto - Lorn Teannard
  • L'esempio perfetto che nella botte piccola c'è il vino buono. Peccato che sia davvero MOLTO attaccato ai soldi - Nathan Wallace
  • Bliff è il nostromo della ciurma, è lui che mi ha migliorato la falce..- Nim
  • Meglio non giudicarlo dalle dimensioni. Ecater Crulam

Racconti dal Forum Gdr Modifica

Contatti Modifica

  • ICQ -
  • MSN – minime_gigios[at]yahoo.it
  • PM –

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale