FANDOM


http://i293.photobucket.com/albums/mm76/eedoardo/edbbbb.png
Ed Blake
Luogo di Nascita Arborea
Sesso Maschio
Razza Aasimar
Età 20
Allineamento Caotico Neutrale
Divinità Sune
Linguaggi Conosciuti Comune, Celestiale


Descrizione Modifica

Ha l'aspetto di un giovane di 18 anni, bello ed avvenente, ha eriditato il portamento e i tratti delicati dalla sua stirpe, ha una carnagione chiarissima quasi bianca ed un fisico slanciato, è alto sull'uno e ottanta con un corpo asciutto ma ben calibrato dove serve. Porta lunghi capelli Neri, che preferisce portare acconciati, per un fatto di comodità; in fine gli occhi sono profondi e taglienti, e il fatto che li abbia argentei gli offre uno sguardo limpido ed accattivante. Ed è un tipo riservato, ma quando riesce ad avere un buon rapporto con una persona si apre completamente, simpatico e soprattutto senza un minimo di serietà nella maggior parte delle situazioni. La vita che si lascia alle spalle lo ha segnato pesantemente, rendendolo anche più forte ma creando una corazza spessa intorno al suo cuore, che riesce a nascondere con la sua mancanza di serietà. Ama l'alcol, ma non riesce mai ad ubriacarsi, e le donne, che molte volte sono anche la sua rovina, anche in caso di combattimenti. E' propio ciò che si può definire un tipo lunatico, anche se è affidabile e mette sempre al primo posto la propria parola, e in generale preferisce salvare una vita, piuttoato che toglierla.

Storia Modifica

Edward Blake è l'ultimo discendente ancora in vita della casata Minami, una stirpe planare caduta in disgrazia sebbene fosse di un'alto retaggio. Questa casata vede come fondatori due Deva, uno Monavic e uno Monadic, che durante il periodo della Guerra del Sangue ebbero modo di conoscersi. La stirpe si era mantenuta pura e importante per generazioni, riuscendo a mantenere alto il proprio retaggio e una buona fama tra tutte le altre casate del Piano di Arborea. Un solo dettaglio era sfuggito alla casata Minami, ossia le influenze minori che appertenevano ai due Deva originarii, infatti sebbene entrambi fossero dediti al bene, si occupavano anche di altre faccende, ad esempio il Monadic oltre a servire "l'etere" serviva anche in dose inferiore gli elementi, mentre il Monavic si occupava di tutti i piani di energia, sia positiva che negativa. A causa di questo col tempo da casata eterea e buona, la discendenza inizio ad avvicinarsi all'elemento dei ghiacci, prendendo ragionevolmente accordi ed alleanze in base a questo loro nuovo elemento. Già di per se questo allontanamento dall'etere fece perdere importanza alla stirpe e procurò non pochi problemi politici di relazioni con le altre casate. Col tempo però la situazione si riappacificò, e il nuovo elemento venne accettato a tutti gli effetti come quello della casata, ma il destino è imprevedibile ed ancora una volta avvenne un'evento "pericoloso" per la casata. Difatti come nuova erede della stirpe nacque Minako, che a diferenza del lento cambio di elemento che aveva preceduto la venuta del ghiaccio, lei era completamente legata al fuoco, questo fatto turbò nell'interno l'effimero equilibrio che si era venuto a creare con tanta fatica, facendo abbassare nuovamente il prestigio della casata. Una sorta di malcontento generale viaggiava e si insinuava tra gli altri membri della stirpe, che lentamente isolarono Minako lasciandogli un'incarico di puro nome e rappresentanza, isolandola dalla vita politica. Minako si sentì dunque isolata ed abbandonata, e cadde in una profonda depressione, sino al giorno in cui, per puro caso durante un convegno di benvenuto i suoi occhi non incrociarono quelli di un prigioniero, un'angelo decaduto, che le altre stirpe Aasimar decisero di affidare alla casata Minami data la fama per le loro prigioni. Questo era un'evento importante, non tanto per l'atto in se, ma bensì perchè l'avvenimento segnava un riavvicinamento con le casate maggiori e quindi doveva essere tutto amministrato in maniera perfetta. Il prigioniero ero stato accusato di tradimento e diserzione, dato che a quanto si vociferava non aveva ucciso tutti gli abitanti demoniaci di una città dei piani inferiori, in una missione da lui comandata. Minako iniziò a nutrire interesse nei confronti di questo, e furtivamente si recava a trovarlo per parlare e indagare sul suo passato...... Dopo circa un mese inspiegabilmente il prigionierò svanì, e per non perdere la faccia la casata disse alle altre stirpi che era stato giustiziato tentando la fuga.... Tutto aveva ripreso il suo corso, se non che Minako fosse rimasta in cinta, e non volesse rivelare chi fosse il padre, questa testardaggine la portò ad essere ancora maggiormente emarginata e trattata con sufficenza, ma giunti all'ultimo mese di gravidanza, gli anziani della casata pensarono che forse quel figlio, se nato sotto il segno del ghiaccio e allevato da loro, avrebbe potuto riportare la casata agli splendori di un tempo. Purtroppo per loro, il destino giocò un'altro brutto tiro, e questa volta non solo il neonato era legato al fuoco, ma era avvolto da una flebile energia negativa, cosa intollerabile. Gli anziani trovarono l'appoggio sia della altre casate che di tutti i membri della propria, quel nuovo nascituro andava purificato e Minako spodestata definitivamente. Ormai era giunto il giorno, Minako resisteva rinchiusa nella sua stanza, mentre il suono di armi ed armature proveniva tintinnando dai corridoi, non c'era più tempo. La bella Aasimar teneva stretta al petto il suo bambino, e tracciava con furia simboli arcani sul pavimento della stanza, mentre le guardie stavano per sfondare la porta. Stava per concludere il circolo magico quando le porte della stanza cedettero e le guardie entrarono rapide carcando di afferrare il bambino, ma Minako non si diede per vinta, e con uno sforzo immane che gli costò la vita, apri un portale extra-planare, tramutandosi in catene e avvolgendosi al corpo del figlio, mentre entrambi sparivano nel portale; il silenzio regnava ora nel palazzo........ Sotto la pioggia battente, in una grotta, venivano soffocate le incessanti grida del neotato, fino a quando non si interruppero lasciando spazio alla voce di una donna:"Tesoro mio, ora sei in salvo, dovrai lottare per la tua libertà e per la tua vita...ma ricorda..Ed.....tu sei il frutto di un grande amore, e la mamma ti sarà sempre accanto". Le dolci parole placarono il pianto e il neonato si addormentò nella grotta...... Ed venne poi raccolto da una coppia di umani, che lo affidarono alla chiesa del villaggio, dalla quale poi scappò all'età di dieci anni iniziando la sua vita da vagabondo.....

Curiosità Modifica

  • Non mostra mai le ali, e preferisce tenerle nascoste
  • Ama trasmutare momentaneamente il colore dei propri capelli e degli occhi
  • Adora corteggiare le belle donne

Gesta Modifica

  • Ha difeso Neverwinter da un'attacco di Orchi
  • Ha contribuito al salvataggio di Azuth
  • Ha partecipato alle prime indagini sull'Epidemia ammalandosi
  • Ha difeso Baldur's Gate da Shade combattendo Hardrhune

Non tutti sanno cheModifica

  • E' un'Aasimar
  • Ha visto con i propri occhi Lith My'athar
  • E' ancora vergine
  • Viene da Arborea

Dicono di Lui... Modifica

Contatti Modifica

  • ICQ -
  • MSN – eedoardo92@hotmail.it
  • PM –

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale